Sfatare il mito, edizione di Venezia

Non importa quale città si visiti nel mondo, miti e leggende vivono tra le mura di ogni città. Città famose come New York, Seul, Londra e altre hanno miti grandi quanto gli edifici che occupano i loro spazi. Dalle dispute sull’esatta ubicazione dell’originale Ray’s Pizza a New York City, alla credenza che tutti a Seoul assomiglino a un cantante K-pop o a un attore di K-drama, o al divertente mito londinese che ci fa ridacchiare tutti qui, che ci fosse un vampiro nel cimitero di Highgate. Vampiri o cittadini dall’aspetto K-pop, questi miti sono divertenti e fanno sempre un’indagine appassionante. In questo articolo non riveleremo dove si trova l’originale pizzeria Ray’s, ma daremo uno sguardo al suo lontano cugino culinario, la città di Venezia.

Diamo un'occhiata a 10 miti popolari su Venezia, in questa versione di Venice Myth Busters.

Venezia con la sua lunga storia ha una pletora di miti che hanno avvolto la città nel mistero così come nell’eccitazione per molti viaggiatori che fanno il viaggio per vedere la bella città sulla laguna. In questo elenco esaminiamo i fantasmi e le credenze comunemente diffuse dai turisti che sono diventati miti tra i viaggiatori, pur rimanendo sconosciuti alla gente del posto. Per esempio, un amico una volta mi ha chiesto se aveva bisogno di passare attraverso il controllo dei passaporti della città per avere il suo passaporto timbrato dalla città di Venezia. Al che questo scrittore disse: “No, c’è solo un timbro per l’Italia”. Confuso il mio ignaro amico disse: “Oh, pensavo fosse un paese a sé!”. La Serenissima sarà anche finita, ma non ditelo ai veneziani. Diamo un’occhiata e decidete voi quanto siano divertenti alcuni di questi miti.

I primi 10

Diamo un’occhiata a 10 miti popolari su Venezia, in questa versione di Venice Myth Busters.

1. Fantasmi sull'isola di Poveglia

Ci sono molti miti che circondano l’isola di Poveglia. Alcuni la definiscono l’isola più infestata del mondo. Con un tale titolo ci devono essere dei fantasmi? Beh, scaviamo un po’ più a fondo. Una delle leggende che circondano Poveglia è che durante la peste del 1700, fu usata come centro di quarantena dove si crede che molte persone siano morte. Mentre questo è vero, molte meno persone morirono e furono sepolte qui di quanto la gente creda. Più tardi, la gente ha detto che l’isola e gli edifici abbandonati che vi rimangono erano in realtà parte di un ospedale psichiatrico segreto durante i primi anni del 1900 dove un medico eseguiva crudeli lobotomie sperimentali sui pazienti. Quando uno dei suoi pazienti morì, a causa di uno dei crudeli esperimenti del dottore, il fantasma dell’ex paziente lo perseguitò. Portando il dottore alla completa follia, dove salì in cima al campanile e si gettò giù, rompendo ogni osso del suo corpo. Poi un’infermiera trovò il dottore, al che affermò di aver visto un fantasma strangolarlo. Per quanto questa storia sia avvincente e macabra, questo mito è completamente falso! L’isola è in realtà una delle preferite dai veneziani. Nei giorni passati, durante l’estate, era un’ottima area per i picnic e un posto per nuotare per i locali sulle loro barche. L’acqua di Poveglia è una delle più pulite e limpide di tutta la laguna veneziana. Se avete la possibilità di visitarla, visitatela sicuramente via Kayak con il fantastico tour di Poveglia con l’equipaggio di Venice Kayak. Se il kayak non fa per voi, provate uno dei fantastici tour di Poveglia con il team di Classic Boats Venice a bordo delle loro tradizionali barche veneziane fatte a mano.

MITO: SMENTITO!

2. Venezia chiude

Vorremmo davvero non doverlo dire, ma così tante volte abbiamo sentito dalla gente del posto che i turisti hanno chiesto loro: “quando chiude la città? Questa è una domanda comune posta dai turisti sulle bacheche di viaggio su internet e anche ai proprietari di negozi locali. Un direttore d’albergo mi ha detto che è una domanda che riceve abbastanza spesso. Venezia non chiude e non chiuderà mai! Di notte si può vedere la gente per le strade da Fondamenta Misericordia a Campo Santa Margherita a godersi cocktail e musica.

MITO: SMENTITO!

3. La gente non vive realmente a Venezia

A mia madre, mentre usciva dal nostro appartamento, una volta un turista israeliano molto gentile ha chiesto: “Mi scusi, lei vive qui? Al che mia madre rispose: “Sì, ci vivo. Come posso aiutarla?” L’adorabile turista israeliana rimase stupita e disse: “Wow, non credevo che la gente potesse davvero andarsene da qui. Sei fortunata!”. A questo rispondo: sì, fortunata, mamma.

MITO: SMENTITO!

4. Delfini a Venezia

Durante la quarantena in Italia a causa del COVID-19, internet era pieno di post contenenti immagini e video che affermavano di mostrare delfini nei canali di Venezia. Mentre questi erano delfini reali all’interno delle immagini e dei video, tuttavia non erano a Venezia ma lungo la costa della Sardegna. Ora, questo non vuol dire che non ci siano delfini a Venezia. Ci sono avvistamenti di delfini a Venezia, ma in riva al mare veneziano, non nei canali. I delfini sono noti per nuotare vicino alla costa e sono stati avvistati vicino al Lido e Pellestrina.

MITO: VERO!

5. L'acqua a Venezia è sporca

Molte persone che vengono a Venezia osservano che l’acqua di Venezia è torbida o ha poca visibilità. Anche se questo è vero, l’acqua di Venezia è piuttosto pulita e, nella laguna, si può effettivamente godere di una nuotata rilassante. Una delle caratteristiche più interessanti della laguna di Venezia è che l’acqua viene costantemente spostata fuori a causa delle correnti e l’acqua nuova entra spingendo fuori l’acqua cosiddetta vecchia per far posto ad acqua più pulita. La torbidezza può essere attribuita al fatto che il fondo dei canali veneziani sono banchi di fango naturale che forniscono la base per un sacco di vita marina tra cui alghe, alghe e pesci.

MITO: SMENTITO!

6. Venezia puzza come una fogna

Venezia è una città magica costruita in una palude sui banchi di fango più di mille anni fa è un’opera dell’ingegno e dell’arte umana. Detto questo, qualsiasi città vicino al mare avrà un odore piuttosto unico. Questo è in parte dovuto alle correnti che cambiano, alle maree che si alzano e si abbassano, al vento che porta il sale marino, il profumo delle alghe e delle alghe nell’aria che respiriamo. Tutti questi fattori contribuiscono a ciò che molti potrebbero confondere con l’odore di fogna. Questo potrebbe essere un odore più prominente per alcuni ospiti che non sono stati molto vicini al mare. Se l’avete fatto, non c’è niente di strano nell’odore.

MITO: SMENTITO!

7. Venezia sta affondando ed è la nuova Atlantide

Nel 2019, Venezia ha visto alcuni dei suoi livelli d’acqua più alti da anni. Questi innalzamenti del livello dell’acqua hanno paralizzato la città, allagando Venezia e lasciando molte attività commerciali in rovina. Sebbene questo evento traumatico sia stato decisamente estremo lasciando una scia di distruzione, questo è un esempio annuale dei fenomeni naturali chiamati dai veneziani come “acqua alta”. Questa acqua alta annuale porta livelli d’acqua più alti a causa delle mutevoli fasi lunari e del suo effetto sulle maree, insieme ai mutevoli venti in mare, che possono anche avere un effetto sul cambiamento di corrente. È stagionale e la maggior parte dei veneziani se lo aspetta. Uno dei maggiori effetti ecologici sull’innalzamento del livello dell’acqua di Venezia è dovuto all’aumento del traffico navale abbinato alle navi da crociera giornaliere che attraversano la laguna. Le onde e le dimensioni delle navi disturbano il fondale fangoso naturale di Venezia. Negli anni passati il ​​governo veneziano avrebbe scavato i canali rendendoli più profondi, prevenendo il problema dell’acqua alta. La ricetta sarebbe scavare di nuovo i canali, meno traffico di barche, niente più navi da crociera e barche a remi più tradizionali per favore!

MITO: SMENTITO!

8. Non si può guidare una barca a Venezia

Angelina al tuo fianco alla guida di una barca classica attraverso i canali come se tu potessi essere il tizio che ha interpretato Jack Sparrow, che sogno. Molti ospiti che visitano Venezia, vorrebbero avere la possibilità di guidare attraverso Venezia, ma sono spesso scoraggiati dal fatto che non possono o non conoscono tutte le regole. Beh, questo non è del tutto vero. In realtà è possibile, ci sono luoghi all’interno della laguna di Venezia dove gli ospiti sono autorizzati a noleggiare una barca e viaggiare. Con l’aiuto del team di noleggio barche di Classic Boats Venice è possibile. Situato sull’isola della Certosa, una delle oltre 100 isole di Venezia, Classic Boats Venice offre noleggio di barche nude a bordo delle loro barche veneziane artigianali classiche dotate di un motore elettrico. La parte migliore è che non è richiesta alcuna licenza. Se hai una licenza e sei abbastanza abile come James Bond, offrono agli ospiti più esperti, il loro classico 1972 Riva Rudy per il noleggio della barca nuda.

MITO: SMENTITO!

9. Ci sono pesci nei canali

In tutta Venezia, che tu stia camminando lungo i canali o che tu sia su una barca classica nella laguna, ci sono pesci ovunque a Venezia. Dalle sardine, all’orata e al branzino, Venezia ha molto. Il pesce è l’ancora di salvezza per i veneziani. Sono anche piuttosto orgogliosi delle loro ricche acque lagunari. Ogni ristorante veneziano in cui andrai offrirà una varietà di piatti a base di pesce e crostacei della laguna. Visita assolutamente il mercato del pesce di Rialto all’inizio dei giorni feriali e parla con i pescivendoli locali dell’isola di Burano che hanno una conoscenza enciclopedica del pesce di Venezia.

MITO: VERO!

10. Non c'è natura a Venezia

Venezia è costruita nella natura. La natura circonda e crea il panorama ultraterreno che è la laguna veneziana. Dall’isola agricola di Sant’Erasmo, dove i prodotti crescono in grande abbondanza, agli impervi sentieri della Certosa, dove alberi e conigli selvatici affollano l’isola, Venezia è piena di natura selvaggia. Insieme alle belle acque della laguna, si possono trovare molte specie di uccelli tra cui i fenicotteri durante la stagione primaverile. La laguna di Venezia è anche sede di alcune belle saline. Senza la natura Venezia non è niente.

MITO: SMENTITO!
0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap